Archivi categoria: concorsi&bellezza

Caschetto: Tutte le Tendenze per l’Estate 2010

25179.jpgNell’alternarsi delle stagioni non ci si deve preoccupare solo degli armadi da cambiare, spostare, ordinare, rinnovare oppure delle scarpiere da organizzare ma se si vuole stare al passo con la moda, bisogna anche prendere appuntamento con il parrucchiere di fiducia, o meglio hair-stylist perché ormai non si occupano solo dei capelli ma anche dell’immagine che l’acconciatura deve dare, e decidere di cambiare taglio o verificare se quello che avete è di tendenza.

Arriva il caldo, arrivano le giornate dove si sta più all’aperto e sembra che nello scenario comunque variegato di nuovi tagli, sono due i fondamentali da considerare: molti capelli corti e molte frangette.
La prima tendenza è sicuramente adatta alla stagione calda, forse la seconda è meno pratica ma comunque valida. Se invece diamo uno sguardo ai colori, non ce n’è uno predominante, ma si vuole tornare ad avere una nuance omogenea e naturale, cioè, amanti dei colpi di sole, se ci tenete tanto, sappiate che sarete fuori moda. Quindi colori omogenei, basta anche ciocche colorate, poche o una sola, il colore è uguale per tutta la testa ed è un colore naturale, niente fucsia, niente viola, niente verde.

6.jpg

Vediamo qualche proposta per i vari tagli: se avete i capelli corti e volete rinnovarvi o volete cambiare totalmente, il caschetto è molto adatto. Se poi avete capelli lisci o se avete la pazienza di fonarli e tirarli se siete ricce, è adattissimo, ma stiamo parlando di caschetti, bob, carré molto definiti. Un esempio, se vi ricordate le donne degli anni ’20, nei tempi del charleston, con molto gonfio e bombato il retro della testa, mentre davanti alcune ciocche arricciate sulle guance, oppure se vi ricordate la donna più sexy dei fumetti, Valentina, con il suo caschetto nero e le punte ai lati del viso all’insù.

7.jpg

Uno dei tagli più sofistici è il caschetto asimmetrico, corto dietro che si allunga sul davanti, magari con una frangia laterale, molto bello ma forse anche molto impegnativo da pettinare e da tenere. Se siete una fashion victim, saprete sicuramente che Paris Hilton si è ultimamente presentata con un taglio a caschetto agli ultimi eventi mondani.

8.jpg

Se invece volete qualcosa di ancora più corto, potete provare un taglio cortissimo e sfilato, da portare al naturale e spettinato (pensate se lavate tutti i giorni i capelli, si asciuga in un lampo e non vi dovete preoccupare di acconciarvi), se poi avete i capelli ricci, diventa ancora più semplice, forse l’unico ausilio è un poco di gel, ma non è indispensabile.
Pensate di non essere belle e affascinanti perché troppo corto? Guardate Halle Berry, è lei l’esempio da seguire.

1.jpg

 

Per invece lunghezze medie, potete preferire uno stile mosso molto naturale semplicemente con un arricciacapelli, potete arricciare solo le ciocche alte sul davanti, che ricadono morbide a incorniciare il viso, la riga centrale è d’obbligo, il resto della chioma potete lasciarlo cadere morbido oppure per necessità o per vezzo, raccoglierlo con qualche forcina in uno chignon per la sera o con un mollettone per la praticità dei giorni molto caldi.

 

2.jpg

Per chi non vuole rinunciare ai suoi capelli lunghi un bel taglio facile da tenere, sfilato, dalla frangetta sino a tutta la lunghezza e le punte rivolte verso l’interno. E se fa molto caldo, potete raccoglierli semplicemente in una treccia da far partire dalla nuca, come quelle della nonna.
E ora usate le idee che avete in testa per la vostra…testa nuova.

ARTICOLO BY: SARA DI AMANDO.IT

Il colore dei capelli rivela il carattere

mischa_barton.jpgSei rossa di capelli? oppure bionda…e meglio, mora

Secondo la gran parte degli italiani, il colore dei capelli rivela il carattere delle persone

Capelli biondi:  egocentrica ed esuberante.Sexy, sportiva e dinamica. Personalità seduttiva e passionale, ma anche Iinstabile nelle relazioni amorose.
Capelli rossi: personalità intrigante, fole ed originali, bizzarra. Allegra, simpaticha e divertente.L’ Amante ideale.

Capelli scuri: stabilità , lealtà e sicurezza. Persona econcreta ed affidabile. Ottima nel lavoro, nella vita familiare e nello studio.

MA GLI UOMINI DI CHE COLORE PREFERISCONO I CAPELLI?

67 uomini su 100, preferiscono le donne con le chiome brune. Secondo gli sociologi e psicolog, la attrazione per chiome nere o castane è spiegata dal momento di incertezza che circonda la figura maschile e dalla conseguente ricerca di affidabilità e sicurezza nel partner femminile.

FONTE: RIMMEL

Donne: avere 40 anni e sentirsene 20

donne1-300x225.jpgCon gli anni molte cose sono cambiate, lo stile di vita ne è il classico esempio; molte donne (ma anche tanti uomini che lo negano!) per riuscire a stare al passo con i tempi si sentono sempre più giovani. Le 40enni si sentono appena 20enni e la 50enni hanno le forze che da sempre hanno caratterizzato le 30enni.
E’ così che funziona: donne grintose, affascinanti ed energiche, forse molto più delle reali 20enni spesso dipinte e viste come capricciose e insicure.
In tv dominano le bamboline, ma sul grande schermo sono le over a conquistare tutto e tutti, prendendosi una grande rivincita a livello internazionale.

E’ stato dimostrato che per essere giovani non conta solo affidarsi a cure estetiche, ma è fondamentale mangiare bene e poco, fare movimento fisico, ma soprattutto essere attivi e propositivi. Ed è proprio vero che l’età apparente è una cosa, l’età biologica un’altra.
Prendiamo per esempio grandi dive del cinema hollywoodiano, come Sharon Stone, Emma Thompson, Maryl Streep, senza dimenticare Monica Bellucci, Nicole Kidman, sono tutte donne che vivono quest’età magnificamente.
E’ sicuro che per alcune di loro non vi è solo la dieta a favorire tutto ciò, non mancheranno i ritocchini, ma il risultato è davvero perfetto.
Il tutto sta nella nostra mente, nel riuscire a vedere che arrivare ai 50anni non significa essere decrepite, ma prendere parte ad una nuova vita, dove sarà possibile prendersi cura si sé, coccolarsi e soprattutto ricordate che non è sempre necessario chiedere aiuto al bisturi per sentirsi bene con voi stesse.

Alessandra Battistini

Wellness cooking, mangiar sano per non invecchiare

donnamangia.jpgMa chi dice che la cucina salutare non ha gusto e non rappresenta il piacere della tavola? Vecchie dicerie, smentite da chef, medici e dietisti che insieme hanno dato vita alla cucina wellness o più familiarmente “cucina del benessere”. Uno stile di vita e un modo innovativo di stare ai fornelli, promuovendo il gusto e il piacere psico-fisico. Una cucina che sa portare in tavola piatti raffinati, d’effetto, ma soprattutto golosi in un mix bilanciato di sostanze nutritive, antiossidanti e grassi, per scoprire che attraverso la “buona” tavola passa la longevità.

Da questa filosofia del “benessere gastronomico” nasce un corso di formazione innovativo rivolto agli chef, nutrizionisti, dietisti e manager del comparto della ristorazione e del wellness, promosso dall’Università Campus Bio Medico di Roma, l’ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana, l’ASSIC, Associazione per la Sicurezza Nutrizionale in Cucina e l’Associazione nazionale il Circolo dei Buongustai dello chef Fabio Campoli. L’obiettivo di questo corso è di coniugare la cultura culinaria degli chef con i principi della nutrizione, per promuovere “sani peccati di gola”: una cucina saporita che rallenti i processi di invecchiamento e contribuisca a prevenire patologie metaboliche e oncologiche. Il percorso formativo, pensato insieme a grandi nomi della cucina italiana e della medicina, consentirà ai cuochi di acquisire una formazione necessaria sulla scelta delle materie prime e sulle tecniche di cottura ideali a mantenere integre le proprietà nutritive dei cibi.

Tra i docenti, Gualtiero Marchesi, che aprirà il corso, Fabio Campoli, i ricercatori dell’INRAN e dell’Università di Parma. Di tutto ciò ne ha parlato, insieme allo chef Fabio Campoli, la dott.ssa Chiara Manzi, Presidente ASSIC e docente di nutrizione all’Istituto Superiore di Sanità e all’ALMA, ideatrice del progetto, mercoledì 16 dicembre 2009 durante la cena di beneficienza per la ricostruzione della mensa dei poveri dell’Aquila organizzata dal Circolo dei Buongustai. Il progetto ha riscosso un notevole successo tra i protagonisti del settore, conquistando nomi celebri come Fabio Campoli, chef e consulente Rai, e Gualtiero Marchesi, in quanto – come dichiara lo stesso Campoli – “capace di sensibilizzare a una cultura nuova del cibo e alla concezione del gusto. Un’idea che ben si sposa a quella che è la filosofia del Circolo dei Buongustai e alla necessità di formazione nel nostro settore per i giovani cuochi”. Ma questo corso va ben oltre alle semplici nozioni di cucina. Tutte le lezioni, che si terranno nella suggestiva Reggia di Colorno (Pr) sede dell’ALMA e presso al Scuola di Formazione Continua dell’Università del Campus Bio-Medico di Roma, saranno, infatti, svolte da uno chef affiancato da un medico; oltre a tenere anche un corso interamente dedicato all’area management, in cui verranno formati i manager e i consulenti della ristorazione e del’area wellness. Inizio del corso previsto per febbraio 2010. Iscrizioni aperte fino al 31 gennaio 2010. Maggiori informazioni sul corso e sulle modalità di iscrizione sono disponibili all’indirizzo: http://www.unicampus.it/ristowellness.

Affaritaliani

Salerno in Arte: rifiuti in cerca d’Autore

1293371758.jpgLeggendo degli articoli nel blog della Redazione ho notato un post interessante. Si tratta di un concorso vuole promuovere, il tema dell’educazione alla raccolta differenziata, del riciclo delle materie riutilizzabili e della salute del cittadino.

Il blog che promuove questa iniziativa è Salerno in Arte, un blog dal titolo provocante: Rifiuti in cerca d’Autore.

Questo concorso è giunto alla seconda edizione e le sezioni previste dal concorso sono due: pittura e design.

Mi raccomando, diffondete anche voi questa notizia!

Miss Italia: incoronata Maria Perrusi

miss_italia_perrusi01g.jpg

«Non ci credo, grazie, saluto tutta la Calabria» sono queste le prime parole di Maria Perrusi che ieri sera ha ricevuto la corona di «Miss Italia» dalle mani della campionessa di nuoto Federica Pellegrini.
Altissima (con il suo metro e 82 è la più alta fra le cinque finaliste), occhi verdi e capelli castani, la diciottenne, già «Miss Calabria» e «Miss Sasch», nella finalissima ha avuto la meglio sulla casertana Mirella Sessa (la modella che verrà ricordata per aver indossato come “vittima” del clamoroso errore della prima serata quando le venne attribuito per errore il titolo di «Miss Moda Italia»).